_

 

MISURA 123b PSR 2007-2013


Pienocampo Associazione professionale di agronomi
Servizi tecnici per l'agricoltura ed il territorio
- © 2009 -
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 3.0 Unported License.

Inserisci un indirizzo email valido
barra le caselle interessate e poi fai click su Calcola il punteggio in fondo alla pagina
Punteggio totale: 0
CATEGORIA ARGOMENTO PUNTI MAX CONDIZIONE SCELTA PUNT.PARZIALE
QUALITÀ DELL'INVESTIMENTO



a) Importo della spesa ammissibile per gli investimenti intesi a migliorare le condizioni relative alla sicurezza sul posto di lavoro (interventi relativi al punto 6.2.1 della scheda di misura del PSR - punto 5.1.e del presente bando) non inferiore a:
-  almeno 2.000 € per investimenti complessivi in domanda fino a 50.000 €;
- almeno 5.000 € per investimenti complessivi in  domanda maggiori di 50.000 € e fino a 200.000 €;
- almeno 10.000 € per investimenti complessivi in domanda superiori a 200.000 €;


2

I punteggi di questo punto sono tutti cumulabili tra loro.
I requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di ricezione della domanda di
aiuto nel sistema ARTEA, alla data di ricezione (da parte dell'Ufficio istruttore) della documentazione
nella fase di completamento della domanda di aiuto e alla data di presentazione della domanda di
pagamento del saldo.










b) più del 50% degli investimenti ammissibili rientrano fra quelli relativi al punto al punto 6.2.1 lettere b), c), d) della scheda di Misura del PSR (acquisto macchine, macchinari e attrezzature - punto 5.1 lettere b, c, d, del presente bando)





c) gli investimenti ammissibili rientrano fra quelli relativi al punto 6.2.1.g) della scheda di Misura del PSR (aumento livello di tutela ambientale - punto 5.1.g del presente bando) per un importo di:
- Almeno 2.000 € per investimenti complessivi in domanda fino a 50.000 €;
-   almeno 5.000 € per investimenti complessivi in domanda maggiori di 50.000 € e fino a 200.000 €;
-   almeno 10.000 € per investimenti complessivi in domanda superiori a 200.000 €;

2


d) domande che prevedono interventi relativi al punto 6.2.1.f) della scheda di Misura del PSR (realizzazione di centrali termiche -punto 5.1.f del presente bando).

1
e) investimenti che prevedono l'utilizzo di elementi strutturali in legno per la realizzazione o ristrutturazione di fabbricati ai sensi
del punto 6.2.1.a) della scheda di Misura del PSR(punto 5.1.a del presente bando).

1



5
f) domande che prevedono la realizzazione, in aree non metanizzate, di interventi relativi al punto 6.2.1.f) della scheda di Misura del PSR (realizzazione di centrali termiche - punto 5.1.f del presente bando). 2

TERRITORIO

a)  investimenti eseguiti prevalentemente (superficie > del 50%) in una delle seguenti aree o, nel caso di interventi non localizzabili,  da imprese che hanno il centro aziendale localizzato in una delle seguenti aree:
- Zone Vulnerabili ai Nitrati;
- Zone appartenenti alla Rete Natura 2000 (Zone Protezione Speciale, Siti di Importanza Comunitaria, Siti di Importanza Regionale);
- Zone individuate ai sensi della Dir. CE 2000/60/CE "Direttiva acque";
- Aree protette classificate ai sensi della normativa vigente
1
5
Per la determinazione della prevalenza (superficie > del 50%) ai fini dell'attribuzione dei punteggi dicui alla precedente lettera a) concorrono una o più zone individuate all'interno della priorità, purchè le
superfici siano conteggiate una sola volta.




0
b)    investimenti eseguiti prevalentemente (superficie > del 50%) in zona C2 o D ai sensi del PSR 2007/13 o in zone montane ai sensi della Dir. 75/268/CEE o, nel caso di interventi non localizzabili, da imprese che hanno il centro aziendale localizzato in dette zone.

2 Per la determinazione della prevalenza (superficie > del 50%) ai fini dell'attribuzione dei punteggi di
cui alla precedente lettera b) concorrono una o più zone individuate all'interno della priorità, purchè le superfici siano conteggiate una sola volta.
c) Imprese che certificano la loro attività in campo forestale ai sensi del protocollo PEFC o FSC 1
I punteggi di questo punto sono tutti cumulabili tra loro.
I requisiti di cui alle lettere a b c d devono essere posseduti alla data di ricezione della domanda di aiuto nel sistema ARTEA, alla data di ricezione (da parte dell'Ufficio istruttore) della documentazione nella fase di completamento della domanda di aiuto e alla data di presentazione della domanda di pagamento del saldo.
d) investimenti eseguiti su terreni forestali o infrastrutture che ricadono prevalentemente (superficie > del 50%) nel territorio di comuni con indice di boscosità superiore al 47% o, nel caso di interventi non localizzabili, da imprese che hanno il centro aziendale localizzato in detti territori
ELENCO COMUNI
1
OCCUPAZIONE

a) UTE/UTS che hanno un numero di occupati (in termini di IAP, Coltivatore diretto, dipendenti a tempo indeterminato, coadiuvanti, soci lavoratori, tutti regolarmente iscritti all'INPS), almeno pari a:
a) da 1 a 3 occupati
1
3
Dal conteggio sono esclusi i soci non lavoratori e i dipendenti a tempo determinato.
Il requisito deve essere posseduto alla data di ricezione della domanda di aiuto, alla data di ricezione nel sistema ARTEA (da parte dell'Ufficio istruttore) della documentazione di completamento della domanda di aiuto e alla data di presentazione della domanda di pagamento del saldo.



0
b) da 4 a 6 occupati
2
c) oltre 6 occupati 3
TIPOLOGIA DEL RICHIEDENTE
a) il soggetto richiedente ha un'età inferiore a 40 anni 2

Per l'attribuzione di questa priorità si adottano i seguenti criteri:
- imprese individuali: il soggetto richiedente non ha ancora compiuto 40 anni di età;
- società semplici: almeno la metà dei soci non ha ancora compiuto 40 anni di età;
- società in nome collettivo o in accomandita semplice: almeno la metà dell'intero capitale è detenuto da soci (persone fisiche) che non hanno ancora compiuto 40 anni di età e almeno la metà dei soci amministratori non hanno ancora compiuto 40 anni di  età;
- cooperative: almeno la metà dei soci (persone fisiche) e del Consiglio di Amministrazione (CdA) non ha ancora compiuto 40 anni di età;
- società di capitali: almeno la metà dell'intero capitale è detenuto da soci (persone  fisiche) che non hanno ancora compiuto 40 anni e almeno la metà del CdA è  composto da  aministratori che non hanno ancora compiuto 40 anni di età.




0
b) impresa che si è costituita nei 36 mesi precedenti la  ricezione della domanda

1


c) La domanda è riferita a UTE/UTS che hanno un    numero di occupati di genere femminile (IAP, Coltivatore     diretto,     dipendenti   a      tempo indeterminato, coadiuvanti, soci lavoratori, tutti regolarmente iscritti all'INPS) almeno pari al 50% del totale degli occupati

1
3

Dal conteggio sono esclusi i soci non lavoratori e i dipendenti a tempo determinato.
d) il soggetto richiedente è di genere femminile
1

Per l'attribuzione di questa priorità si adottano i seguenti criteri:
-        imprese individuali: il soggetto richiedente è di genere femminile;
-        società semplici: almeno la metà dei soci è di genere femminile;
-        società in nome collettivo o in accomandita semplice: almeno la metà dell'intero capitale è detenuto da soci (persone fisiche) di genere femminile e almeno la metà dei soci amministratori è di
genere femminile;
-        cooperative: almeno la metà dei soci (persone fisiche) e del Consiglio di Amministrazione (CdA) è di genere femminile;
-       società di capitali: almeno la metà dell'intero capitale è detenuto da soci (persone fisiche) di genere femminile e almeno la metà del CdA è composto da amministratori è di genere femminile.
I punteggi di questo punto sono cumulabili tra loro.


ASSENZA FINANZIAMENTI PREGRESSI
Il soggetto richiedente nei 5 anni precedenti la data di ricezione della domanda non è stato beneficiario della  misura 8.2 del PSR 2000/2006 e delle misure 122 e 123.b del PSR 2007/13

4
4
Per beneficiario si intende il soggetto che è destinatario di atti di assegnazione in corso di validità o è stato inserito in elenchi di liquidazione approvati.


0
CERTIFICAZIONI

a) più del 50% della quantità totale di prodotto raccolto,   utilizzato, lavorato, trasformato e/o commercializzato nell'impianto o dall'impresa nell'esercizio precedente alla presentazione della domanda deve essere certificato ai sensi dei Regg. n. 2092/1991 e 510/2005, e della L.r. 25/1999:

2
5
Per aver diritto alla priorità i prodotti a marchio devono essere riferiti all'UTE o all'UTS oggetto della domanda.





0
b)  il soggetto richiedente è in possesso di una delle seguenti certificazioni di qualità di processo e/o di prodotto:
- UNI ISO 9000 - UNI ISO EN 22000 (rispetto requisiti igienico-sanitari);
-   UNI EN ISO 22005, 2008 (oppure le sostituite UNI 10939,2001 e UNI 11020,2002 rintracciabilità dell'alimento e della filiera alimentare)

1
I punteggi di questo punto sono tutti cumulabili tra loro.

c) il soggetto richiedente è in possesso di certificazione SA8000 riferita all'UTE/UTF in cui si effettuano gli investimenti.
1
d) il soggetto richiedente è in possesso di almeno una delle seguenti   certificazioni: ISO 14000, Ecolabel, EMAS ai sensi del Reg. (CE) n.761/2001 riferita all'UTE/UTF in cui si effettuano gli investimenti 1
 
APPROVVIGIONAMENTI
Investimenti che garantiscono un maggior vantaggio ai produttori a.1) dal 60% all' 80%forestali di base dato dalla percentuale delle quantità del prodottointeressato dall'investimento derivante dai produttori di base rispetto alla quantità totale dello stesso prodotto utilizzato, raccolto,trasformato o commercializzato dal beneficiario:
a.1) dal 60% all' 80%
1
2 È valutato il livello di partecipazione dei produttori forestali di base ai vantaggi derivanti dal finanziamento, tramite l'analisi dei risultati contabili dell'ultimo esercizio.
Il requisito deve essere posseduto alla data di ricezione della domanda di aiuto, alla scadenza di ogni anno di esercizio successivo all'inizio dell'impegno prescritto nel bando per tale vincolo e per tutta la durata del vincolo stesso.





0
a.2) > dell' 80% 2
RIDUZIONE DEI COSTI ESTERNI AMBIENTALI COLLEGATI ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE
L'impianto oggetto degli investimenti utilizza prevalentemente (> del 50%) prodotti forestali di base provenienti da un'area avente un raggio non superiore a 70 Km di distanza dall'impianto o dal centro aziendale 2
2
Tale livello di utilizzazione è ottenuto dal rapporto tra la quantità trasformata e/o commercializzata  dei prodotti provenienti da tale area e la quantità totale trasformata e/o commercializzata nell'impianto oggetto degli investimenti, risultante nell'ultimo esercizio approvato.
0



13 December 2018
Punteggio totale 0